Maria Teresa Sica

Viviamo in un mondo malato

Purtroppo il mondo è malato, forse in modo irreparabile.

Quanti ragazzini e ragazzine taciturni avete incontrato nella vostra giovinezza? Immagino ne avrete incontrati! E in quel contesto, nella “comitiva” di amici, c’erano sicuramente altri componenti più socievoli, spigliati che ovviamente avevano maggiore successo. E cosa accadeva? Qualcuno poteva rimanerci male per qualcosa che non gli accadeva, poteva dispiacersi, o anche contrariarsi, o perfino arrabbiarsi, ma mai queste emozioni potevano condurre all’idea dell’omicidio pianificato, studiato, messo in pratica con freddezza disarmante.

Il problema serio è che il mondo è malato, insani sono i messaggi, insane le abitudini, insani i rapporti sociali.

I valori sono scomparsi, la vita stessa – altrui – non ha valore, se qualcuno o qualcosa che lui riesce a fare infastidisce, una delle ipotesi plausibili per eliminare il problema è eliminare quel “qualcuno”. Uccidere è diventata una soluzione da applicare con estrema leggerezza. Si vive come in un film, come se non ci si rendesse conto degli effetti definitivi, e dopo… ci si sente dispiaciuti.

Violenza nei giochi, violenza nei film, violenza nelle canzoni… così i giovani considerano la violenza facente parte naturale della vita, forse anche una dimostrazione di valore personale.

Tutto questo si riscontra negli atteggiamenti, nelle reazioni, nei discorsi di alcuni giovani, per fortuna solo alcuni, ma comunque troppi.

I giovani non sanno più interagire, preferiscono comunicare on line; non sanno più inventare qualcosa per riempire il tempo libero, preferiscono i giochi on line, preferiscono giocare anche contro perfetti sconosciuti, con l’unico obiettivo di avanzare di livello o eliminare il nemico.

La meravigliosa, utile – se ben utilizzata – tecnologia e i relativi sviluppi, invece di favorire il progresso personale sta contribuendo ad annientare i valori umani, ma la colpa di tutto questo è, ovviamente, nella mente e negli obiettivi di alcuni fruitori.

Mts©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *